Banner

Seguici su facebook


Trovaci su facebook !...

 

 

Quanto è bello taleare

 

Img articolo

 

Venerdì 29 giugno 2007, obiettivo talea di Seriatopora Caliendrum. La giornata inizia male, il sottoscritto arriva da Mondonatura in ritardo (ero andato in banca, cavolo, non mi sono mica divertito!). Va premesso  che ho usufruito di una giornata di ferie per poter svolgere questa missione. Ad ogni modo, appena il mio piede sfiora il pavimento del negozio, partono i richiami verbali di Antonio e Rosario. Io porgo le mie scuse, ma loro niente: il lavoro da effettuare è ancora a zero, e la colpa viene scaricata ingiustamente su di me. "Ok, ok, dai ragazzi partiamo adesso, anche se in ritardo", dico io. Mentre discutiamo arriva lui, il presidente! "Stefano solo tu ci mancavi, ora si che il club è al completo. Dai che iniziamo". "E' tardi ragazzi, meglio farlo nel pomeriggio." La parola del  presidente è indiscutibile, per cui tutto è rinviato. Antonio purtroppo non potrà partecipare in quanto, anche se non sembra, si rende utile nella società per cui lavora.

Partenza 
"Sono le 16.30, dai che si fa tardi". Rosario e Stefano estraggono la Seriatopora Caliendrum dalla vasca e c'è poco da dire, è uno splendido esemplare in ottima forma. Eccola tra le mani del presidente. Le mani esperte di Rosario, con l'ausilio di una pinza, iniziano il delicato lavoro di creare talee. Io intanto, predispongo nel negozio tutto quello che ci occorrerà: le buste per iniziare. Sulla superficie delle buste è opportuno spargere acqua, in modo tale da non far attaccare la colla epossidica alla plastica. A questo punto, io prendo i due componenti della colla epossidica. Li spezzo entrambi per metà, e li miscelo con le mani sino a giungere alla formazione di un solo composto.Dalla pallottola creata, con le mani plasmo una sorta di "salsiccia". La "salsiccia" mi consentirà di tagliare vari pezzettini nei quali alloggiare le talee. Una volta staccato il pezzo della grandezza voluto, ne formo una piccola palla. Effettuo a questo punto un buco al centro della palla scavando con delle forbici.

Mentre Rosario lavora alla vasca, Stefano porta le prime talee da poter inserire. Siamo pronti. La prima talea viene inserita nella colla. Notare l'espressione con la quale il presidente affronta la missione. La prima talea è così terminata, che spettacolo! A questa, ne seguono tante altre….!

Il tempo trascorre e le talee esigono di essere messe a dimora, non ne possono più di stare fuori dall'acqua. Per  fortuna i coralli non parlano la nostra lingua, altrimenti le parolacce si sarebbero sprecate! L'effetto che creano in acqua è suggestivo, soprattutto perchè sono state una nostra creazione. Il lavoro è terminato, siamo esausti ma entusiasti. L'occhio vigile di Rosario non si storce, per cui deduciamo che abbiamo lavorato bene. Una bella giornata come questa non può concludersi meglio che con un sorriso del nostro presidente con alle spalle la vasca dalla quale abbiamo prelevato il corallo.

Banner Store on-line