Banner

Seguici su facebook


Trovaci su facebook !...

 

 

Obiettivo spazzino - I corydoras

 

Img articolo

 

I "pesci pulitori di fondo". Chi di noi non è mai entrato in un negozio di acquariofilia e ha espresso il  desiderio di averne uno? Il termine di cui sopra, a ben pensarci, è piuttosto denigrante per definire questi piccoli pesci che instancabilmente ci aiutano a mantenere il giusto grado di igiene nelle nostre vasche. Prima o poi, come nei più nobili contrappassi, verrà il giorno in cui entreranno nelle nostre case e, non a torto, ci daranno una bella ripulita! In effetti, con il termine di "pulitori", si suole far riferimento ad una intera specie che racchiude in sè gli appartenenti all'ordine dei Siluriformi (parola derivante dal greco che significa "mascelle con filamenti"), animali che meritano un grande rispetto e che quindi non vanno considerati come operatori ecologici delle nostre vasche; il loro comportamento è molto particolare e affascinante. Vediamo nel dettaglio alcune caratteristiche della specie forse più diffusa: i Corydoras.

Caratteristiche

Pesci appartenenti alla famiglia dei Callicthyidae presentano un corpo privo di squame o coperto da scudi ossei. Sono caratterizzati dalla presenza di barbigli tattili, per la ricerca di cibo sul fondo. La loro utilità in acquario è data dal fatto che si nutrono del cibo che in eccesso è rimasto sul fondo, evitando quindi che possa marcire. Questo però non deve far pensare che i Corydoras siano pesci che si nutrono di rifiuti, necessitano anzi di una alimentazione adeguata; in mancanza d'altro spesso, però, si "accontentano" di quello che resta sul fondale, lasciato dagli altri inquilini. Si tratta di pesci notturni, che svolgono la maggior parte della loro attività dopo lo spegnimento delle luci: è opportuno, quindi, somministrare cibo in pasticche (per evitare la dispersione) dopo lo spegnimento dell'illuminazione. Sono animali di gruppo pacifici, adatti alla vita in comunità, si adattano facilmente alle condizioni chimico-fisiche dell'acqua, per cui sono consigliabili anche per il neofita. Esistono ad oggi circa 140 specie di Corydoras, alcune di una bellezza fantastica.

Vita in acquario
I Corydoras sono animali che vivono in gruppo, per cui, se intendete ospitare nel vostro acquario questi pesci, è opportuno che al momento dell'acquisto ne prendiate più di uno e della stessa specie. Altrimenti, vi ritroverete ospiti della stessa razza distanti gli uni dagli altri a trascorrere una vita da solitari. Vedere un gruppetto di Corydoras della stessa specie girare per il vostro acquario all'impazzata, alla ricerca di cibo, è uno spettacolo bellissimo. Di rilievo per i vostri ospiti, è la scelta del substrato: da sconsigliare una granulometria grossolana in quanto c'è il pericolo che vi si possano intrappolare i delicati barbigli sensoriali, con conseguenti ferite per i nostri amati ospiti. La riproduzione risulta facile per alcune specie (es. Corydoras Aeneus) e molto difficile per altre. Le malattie che colpiscono questa tipologia di pesci, sono spesso di origine batterica e si evidenziano sul ventre; purtroppo risultano essere, nella maggior parte dei casi, letali.

Da ricordare: particolare attenzione è da dedicare all'immissione di CO2. Se notate che i vostri Corydoras salgono spesso in superficie per prendere aria, allora dovete diminuire la quantità di anidride carbonica in acquario

Banner Store on-line